Cinemorfina, per drogati di cinema

Tentazioni d’amore


 
TENTAZIONI D’AMORE
(Keeping the faith )

di Francesca Colantoni

Regia: Edward Norton
Produzione, anno: Usa , 2000
Genere: Commedia
Durata: 2 h e 8′
Cast: Edward Norton, Ben Stiller, Jenna Elfman
Voto:

“Ho capito che l’amore è un mistero puro e semplice”. Questa frase pronunciata da Meryl Streep nel bellissimo I ponti di Madison County di Clint Eastwood potrebbe adattarsi benissimo anche a Tentazioni d’amore, prima regia di Edward Norton (già visto in Schegge di paura, American History X e Fight club) , uno degli attori più meritevoli del momento. Il talento di Norton si mostra perfettamente anche qui in questa storia che ricorda un po’ il Jules e Jim di François Truffaut, in un ruolo comico che gli è inusuale. E’ una storia d’amore, ma anche e soprattutto d’ amicizia.
Tentazioni d’amore (il titolo originale Keeping the faith rende però meglio il senso del film) racconta la storia di due amici molto particolari; il prete cattolico Brian Finn (Norton) e il rabbino Jake Schram (interpretato dal bravo Ben Stiller, che ricordiamo in Tutti pazzi per Mary), che si innamorano della stessa donna, la bella manager Anna Reilly (Jenna Elfman, già vista in EdTV), loro amica d’infanzia. Da qui i dubbi di padre Brian sulla sua scelta riguardo al celibato e quelli del rabbino Jake che si innamora di Anna pur sapendo che non è ebrea.
Si tratta di una commedia sofisticata, un po’ come quelle che facevano Ernst Lubitsch e Frank Capra, in cui è stupefacente il talento di Norton nel sapersi destreggiare così bene anche in un ruolo comico. La storia è divertente, leggera e brillante. Da sottolineare i due piccoli ruoli affidati a due mostri sacri come Anne Bancroft, sempre simpaticissima, ed Eli Wallach, che contribuiscono a migliorare con la loro innata recitazione i già ottimi dialoghi e la costruzione psicologica dei personaggi. Da lodare infine il coraggio di Norton, che, alla sua prima regia e nell’era del politically correct, si è cimentato con un tema rischioso con risultati eccellenti.

 
Stop frame: l’arrivo di Anna all’aereoporto e i dubbi di Padre Brian

Like this Article? Share it!